Public Enemy colpisce ancora

1

15 novembre 2012 di Espatrio Isterico

Tragitto scuola casa: 1 autobus, 11 minuti in totale.

Ore 15, io e Public Enemy uscivamo serene per prendere in nostro amato Ivan e riportarlo a casa. Arrivate con un ritardo clamoroso a causa di una improbabile congestione (forse dell’autista!), corriamo come pazze per prendere il nostro pargolo, e non abbiamo ancora capito se eravamo tutte in ritardo oppure ho l’orologio troppo avanti.

Preso Ivan, e in procinto di prendere un autobus che ci riportasse indietro, Public Enemy ha iniziato a protestare energicamente senza motivo apparente. Sentenziato che fosse sonno, iniziamo a camminare verso la successiva fermata dell’autobus. Nessun cambiamento. Camminiamo verso la successiva. Nessun cambiamento. Un chilometro. Uguale. Due. Uguale. Disperati, saltiamo comunque sull’autobus, ma non ci accorgiamo che era quello sbagliato.

Dopo aver cercato di lanciarsi dal passeggino su un autobus pieno di gente, di arrampicarsi e di schiacchiare il segnale di fermata, Public Enemy ha puntato la busta della spesa della vicina, dalla quale usciva impropriamente una busta di pane dolce .

Con un balzo felino ha aperto la borsa della spesa, mentre la signora chiacchierava. Come ha chiuso la busta, Public Enemy ha cercato di persuaderla con il suo cavallo di battaglia: un fa acutissimo, che ha scatenato il tifo dei passeggeri in autobus che incitava la signora a donare del pane alla dolce fatina.
Convinta, la vecchietta ha sganciato il cibo, e Public Enemy ha interrotto le trattative. Accorti che eravamo completamente fuori mano, scendiamo alla prima fermata utile. Stradona grossa, semaforo, vie sconosciute e un muraglione altissimo. Autobus verso casa: zero.

Ovviamente, finito il pane, e a 6 km da casa, completamente persi, Ivan doveva assolutamente fare la pipì. Superati i momenti di panico, puntiamo l’arma sul bel muro di un museo, dopo esserci accertati che non ci fosse nessuno. Una volta soccorso Ivan, Public Enemy ha ben pensato di riniziare la sua canzone preferita, proprio mentre si accingeva ad arrivare un autobus, che però, fortunatamente era quello sbagliato.
I nostri eroi hanno atteso un’altra ora, per prendere l’autobus che li ha portati indietro, incrociando due anime, una viva e una morta.

Arrivati al punto di partenza, c’è voluta un’altra mezzora per prendere un altro autobus che ci portasse a casa.

Scesi dall’autobus, Public Enemy si è ovviamente addormentata.

 

Annunci

One thought on “Public Enemy colpisce ancora

  1. Francesca ha detto:

    Esorcizzala. È l’unica soluzione.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archiviati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: