Le storie degli altri

Lascia un commento

8 febbraio 2013 di Espatrio Isterico

Sono una persona estremamente socievole, faccio amicizia facilmente, sono aperta alle novità, mi faccio voler bene (a parte quando mi faccio odiare visceralmente). Mi piace tanto conoscere le persone, e per conoscere le persone non intendo una stretta di mano, una birra senza impegno e via. Mi piace ascoltare le loro storie, da dove vengono, cosa fanno, chi sono, come si sentono? E’ bellissimo, è affascinante, è un altro modo per viaggiare, attraverso l’altro, in posti che non hai mai visto.

Da quando sono arrivata, però, ho ibernato la mia socievolezza. Ho passato tre mesi nel mio bozzolo. Ne avevo bisogno. Non volevo aprirmi ad altre persone, non volevo incontrare nuova gente. La mia vita è molto cambiata, e mi sono chiusa in me stessa rispetto alla società che ho intorno. Come mi ha detto la mia amica Alessia, un giorno: “Sara, ho l’impressione che tu debba uscire, stai troppo da sola!”. Forse stavo scivolando in una sorta di stato depressivo, ma la mia piccionaia è stata un vero scudo. L’espatrio mi ha tramortita, evidentemente, e costretta a pensare a me, a occuparmi di me stessa, a parlare con me stessa, a trattarmi meglio, a contare davvero solo su di me. Ho tenuto i rapporti solo con le mie due mitiche zie, mia cugina, le nostre famiglie di origine, qualche caro amico, e una serie di persone espatriate o aspiranti tali, conosciute su facebook. Questo è stato il mio prezioso mondo.

Come tutti i letarghi, però, anche il mio sta arrivando al termine. Ho incontrato delle belle persone qui, che non ho fatto avvicinare più di tanto alla mia sfera emotiva, ma che adesso ho il piacere di frequentare di nuovo.

So che sono viva grazie al mio interesse per le storie degli altri.

C’è Daniela, che viene dalla Spagna. E’ partita con i suoi due figli. E’ divorziata ed è venuta qui per fare un anno di esperienza. Ma vorrebbe restare, e forse lo farà. Non lavora ma studia inglese con impegno, sperando di migliorarlo.

C’è Baba, che è nato a Zanzibar. Quando aveva 20 anni è andato in Germania a studiare, ha lavorato nelle radio. Dopo quarant’anni si è stufato ed è venuto qui in UK con tutta la famiglia. E’ uno scrittore di favole per bambini, traduttore di libri in Swahili e inglese, conduce laboratori artistico/teatrali nelle scuole.

C’è Viky, che viene dall’Andalusia. E’ una ragazza di 25 anni che ha deciso di partire dopo la laurea in psicologia. Lavora alcune ore alla settimana, ha finito un corso intensivo di inglese e non sa se vuole fare la psicologa.

C’è John, inglese, che è partito in Spagna per lavorare nelle fattorie e nei campi, e adesso è tornato in Uk. Vuole lavorare con gli anziani e i disabili.

C’è Salim, una donna indiana di 25 anni. E’ venuta qui per fare il master in ingegneria, ma ha mollato per lavorare nel sociale. Rimarrà qui per un pò.

C’è Isabella, una ragazza portoghese di 25 anni. Ha due figli piccoli, di 3 e 5 anni. Non ha compagno ed è venuta qui per fare un’esperienza. Lavora stabilmente in un negozio di abbigliamento.

C’è Antony, che viene dalla Repubblica Ceca. Ha studiato informatica, è venuto in Uk un anno e mezzo fa. Ha lavorato come operaio, magazziniere, barista, addetto alle pulizie. Ora lavora nel settore sociale.

C’è Thomas, polacco, ha 45 anni. Ha lavorato in banca per 20 anni, si è stancato, ha mollato tutto e lavora qui in Uk, nel settore dei disabili.

Queste sono una parte delle persone che ho incontrato, e che mi hanno aiutato a capire come il mondo, fuori da casa mia, sia variegato, aperto e flessibile. Questo era proprio ciò che cercavo!

A loro va il mio grazie, anche se mai sapranno quanto una giornata con loro sia stata importante, per la mia vita.

Annunci
»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archiviati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: