Scuola inglese: croce e delizia

1

23 giugno 2013 di Espatrio Isterico

Tanti genitori mi chiedono come siano le scuole inglesi.

Non è facile rispondere, ma provo a esprimere il mio pensiero qui sotto, sottolineando che è solo la mia opinione, il mio modo di vedere questa esperienza.

Mia figlia frequenta il quinto anno delle elementari (primary school), mio figlio frequenta il primo anno elementare, nonostante abbia 5 anni.

Questa è stata la prima scoperta: non importa quale anno di scuola italiana stai frequentando, l’unico criterio che determina l’anno scolastico in Inghilterra è LA DATA DI NASCITA.

CURRICULUM SCOLASTICO:

un’altra grande differenza. L’intera organizzazione scolastica che conosci è da rimuovere dalla memoria. Qui funziona in modo molto diverso.

A partire dalla struttura tutta su un piano, accessibile per disabili, pochi muri, molte vetrate anche tra una classe e l’altra. Palestre e zone per educazione fisica all’aria aperte sono aperte, in funzione, accessibili da tutti. Non ho ancora visto una cattedra e i banchi allineati verso la lavagna. I ragazzi lavorano spesso in gruppi e si siedono un po’ dove vogliono. Spesso organizzano gruppi misti tra classi dello stesso anno, per lo studio dell’inglese e della matematica.

Le materie principali sono inglese e matematica. Dal primo al quinto fanno informatica e tecnologia, educazione religiosa, educazione civica, educazione fisica, arte, musica e danza, in diverse forme, a seconda della scuola.

Una nota interessante è l’educazione finanziaria, che prosegue anche nella Secondary school (11/16 anni). I bambini e i ragazzi vengono istruiti sulla gestione delle proprie finanze. Credo sia GENIALE.

Un’altra punta d’eccellenza è l’educazione religiosa, che prevede diverse gite per visitare le moschee musulmane, le chiese cattoliche, i tempi Hindu ect nel circondario. In Italia è insegnamento della dottrina cattolica, con un insegnante SCELTO dal vescovo, senza concorso, MA PAGATO dallo Stato italiano (scusatemi, ma è una vergogna!!!).

LA BOCCIATURA, questa sconosciuta!

Una cosa che mi ha colpita molto è la posizione sulla bocciatura. In alcuni stati (Norvegia e Islanda) è totalmente assente, per normativa. In tutti gli altri è un mezzo ampiamento utilizzato, con grande frustrazione collettiva. In Inghilterra invece, non esiste una normativa specifica, ma è estremamente rara, ossia sotto l’1%. Questo perchè?

Perchè un ragazzo ha diritto di stare con il suo gruppo di coetanei. La decisione di bocciare un alunno viene prima considerata dalla scuola, che però deve chiedere L’AUTORIZZAZIONE ai genitori. In caso di assenza prolungata (per malattia, trasferimento ect) si può valutare se far ripetere l’anno all’alunno, ma discutendo a fondo se i pro superano i contro. In molti casi, infatti, la scuola, i genitori e il ragazzo cercano di capire se si possono recuperare eventuali lacune con lezioni private.

Il metodo inglese è un metodo INCLUSIVO. Il genitore e l’alunno sono sempre coinvolti nella gestione del curriculum, e ogni alunno è un’entità a se stante, che viene valutato per ciò che è e che può fare, piuttosto che come un potenziale promosso/bocciato. Le sue abilità vengono aiutate nello sviluppo.

Questo non significa che sia perfetto, anche perchè mi riferisco alle scuole locali, ma su migliaia di scuole potrebbero esserci grosse differenze, non esistendo uno standard preciso.

Da qui nasce la guerra alle scuole! I genitori sgomitano per iscrivere il figlio in questa o in quella, si trasferiscono di casa pur di accapparrare la scuola migliore della zona. Proprio perchè il curriculum varia notevolmente da istituto a istituto, e molti criteri sono affidati al corpo docente. Un preside rigido o poco organizzato può mandare all’aria l’intera struttura. (forse ovunque…)

Per chi vuole sapere di più sulle differenze del sistema scolastico nelle nazioni europee: http://eacea.ec.europa.eu/education/eurydice/documents/thematic_reports/126EN.pdf

 

CONCLUSIONI:

Ho sentito di tutto. La Secondary fa schifo, la Grammar è la migliore, la Grammar è snob, le Secondary stanno cambiando ect ect

La verità è che non lo so, nè lo posso sapere, però ci sono delle cose che mi piacciono molto. L’educazione all’essere un cittadino, l’insegnamento del francese, della tecnologia, delle religioni, e il fatto stesso di essere in una nazione così variegata, dove hanno l’opportunità di aprire la mente, mi rincuora certamente di più del mandare mia figlia nelle scuole medie italiane.

In questo non ho mezze misure.

Il sistema scolastico italiano regala molte informazioni ed è sicuramente più dura che qui, MA RICHIEDE AI RAGAZZI DI ADEGUARSI A UNO STANDARD, e questo non è più possibile. Forse lo era 50 anni fa, ma ora no.

Ogni bambino è una persona da promuovere. Non si blocca l’avanzamento nella vita per una due tre cinque materie che non ti vanno giù. Quel bambino potebbe diventare un genio informatico, ma se non gli permetti di farlo, come fa? Non credo che pretendere di stare seduto cinque ore in un banco lo farà diventare una persona migliore.

La vita è una promozione, la vita è movimento, la vita è sviluppo. Anche nella morte c’è cambiamento!

Per ora siamo convinti della scelta, la scuola inglese soddisfa ampiamente le nostre aspettative, e i nostri due figli, completamente diversi tra loro, per età, carattere e necessità, sono felici e soddisfatti, imparano e sviluppano le loro doti.

Se volete altre informazioni, scrivetemi in privato su

espatrioisterico@libero.it

 

 

 

 

 

 

Annunci

One thought on “Scuola inglese: croce e delizia

  1. Bibi ha detto:

    sulla pelle di mio figlio, un anno dopo l’altro sto provando che la scuola italiana è arrivata ad un degrado inimmaginabile qualche decennio fa. masse di insegnanti la cui importanza personale è più forte di qualsiasi altra cosa, che prendono un “rifiuto” all’interrogazione dei ragazzi come qualcosa di personale, insegnanti che praticano la bocciatura come metodo punitivo e massacrano l’autostima dei ragazzi fino a calpestarli e allontanarli dalla scuola definitivamente.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archiviati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: