Mi licenzio, anzi no!

Lascia un commento

7 agosto 2013 di Espatrio Isterico

Mi sono sentita una madre colpevole… nel lasciare questo blog per così tanto tempo solo soletto!

Mi scuso pubblicamente per tutti i messaggi e le email alle quali non ho risposto e PROMETTO solennemente di impegnarmi in questi giorni.

Che ve lo dico a fare che in queste settimane ci sono state valanghe di cose nuove?

PRIMA COSA. Ho fatto il mio tentativo di licenziamento. Tentativo andato male, ma anzi bene…

Come ormai tutti sapete bene, sono riflessiva quanto una tigre in gabbia con una bistecca al sangue poco lontana dalle sbarre.

Farò studiare il mio cervello, un giorno, per capire quale (o quali…) collegamenti mi mancano.

Un giorno ero in spiaggia, sdraiata su un asciugamano, a bere una birra con un amico. Situazione discutibile, però vale la pena spiegare il contesto.

Ho ricevuto una chiamata da un’agenzia, che mi propone questa cosa:

stiamo cercando un madrelingua italiano, il lavoro è dalle 8 alle 4 pm, pagato 11 euro l’ora, weekend liberi, niente straordinari, bonus, ferie e malattie pagate, a tempo indeterminato, con possibilità di carriera. Ti interessa?

Secondo te? Claro que si, dove devo firmare?

Risposta: unico problema, l’unica cosa è che devi venire domani stesso, sennò non sei dentro.

Ovviamente, ho fatto il triplo salto mortale per esserci… e teoricamente avevo delle grandiosi opportunità di entrarci.

Forte della mia onda di c…. fortuna, mi sono dimessa di punto in bianco. Così… perchè ero in un’agenzia troppo stretta, c’erano 30 gradi e non avevo l’aria condizionata. Giuro.

Mi stavo godendo l’ebbrezza di onnipotenza, con pensieri da megalomane. Tipo: ma se mi dicono di no, io trovo subito un altro, vado con calma e blablabla.

Anzichè arrivare l’onda della fortuna, invece, si è abbattuta su di me una tempesta di realtà: l’azienda ha preso un altro ragazzo, mia madre è stata male in Italia, dovevo tornare subito in patria, che imponeva una spesa di oltre 500 euro, la perdita dello stipendio, e la perdita dei benefit perchè il licenziamento è avvenuto per mia scelta.

PANICO DELIRIO FOLLIA E DEPRESSIONE!

Che fare, quando da sentirti Dio arrivi a sentirti un pirla bilingue?

E quindi ho passato una giornata intera con il magone, alternando l’autocommiserazione alla critica più aspra, alla fede cieca, al panico.

Alla fine, arriva l’illuminazione…

Il mio orgoglio mi ha impedito di cadere ai piedi del manager, e lavarglieli con le mie lacrime… ma ho optato per la fase tecnicamente chiamata “Paraculaggine a oltranza”.

Ho chiamato il manager e gli ho detto:

“Ascolta, io devo scendere in Italia per problemi familiari. Non posso prendere nessun altro lavoro. So che vi ho messo in difficoltà, e per questo motivo VI OFFRO il mio aiuto. Se quando torno, a metà agosto, l’azienda ha bisogno di me, IO VI AIUTO MOLTO VOLENTIERI. Ora tocca a voi, fate di me ciò che volete”.

Il giorno prima di partire, nonchè ultimo giorno lavorativo, stando alla lettera di dimissioni, ecco la risposta:

” Gentile collega, grazie per la disponibilità. Prendi pure le ferie pagate, fai buon viaggio, abbiamo strappato la lettera di dimissioni e facciamo finta che non sia accaduto nulla, ok? “

E se pensi che ho avuto culo, aspetta un attimo, perchè NON SAI QUANTO.

Il candidato che ha preso il lavoro, nonchè diventato un gradevolissimo amico, ci ha detto cosa è successo.

Gli hanno offerto il lavoro di italian speaker, ha iniziato il training, dopodichè l’hanno rimandato a SETTEMBRE, per cui resta un mese e mezzo fermo. Praticamente la sorte, l’Universo, Dio, i santi e qualsiasi esoterico entourage, mi hanno salvata da una situazione disastrosa dalla quale sarei uscita con parecchie difficoltà.

E così sono rimasta 10 giorni al caldo infernale, circondata dai miei cari.

Mia madre sta meglio, io sono contenta, ho il posto di lavoro e tutto va a gonfie vele.

Per citare (impropriamente) una vecchia canzone … Non amarmi perchè vivo… a Londra! 🙂

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archiviati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: