Lancio del bambino

Lascia un commento

3 ottobre 2013 di Espatrio Isterico

Vinceró le Olimpiadi in una nuova specialitá: il lancio del bambino.

Sono un genio.

Come ormai sai, sono venuta qui per fare un salto di qualitá. Lavoravo 35 ore settimanali, sabati domeniche e festivi stavo a casa, avevo un buon stipendio, ferie pagate, malattia, tempo indeterminato e tutte le cose che in Italia non esistono piú.

Siccome volevo di piú, LO HO OTTENUTO STO BENEDETTO DI PIU’!

Lavoro 50 ore, infatti, lavoro 7/8 giorni di seguito, infatti, lavoro anche i sabati e le domeniche, infatti! Ma quanto ci ho azzeccato io? Lo pensa ogni sera mia madre, glielo leggo nei sospiri.

QUindi, se ti fai due conti, ho proprio MOLTO DI PIU’ da fare, perché con i miei tre figli dovevo pur trovare una soluzione. Ecco. Io li lancio.

La mattina lancio i bambini giú dal letto. Poi li fiondo in bagno. Poi scaravento la grande fuori casa, perché a scuola ho deciso che ci va da sola, ha 10 anni e siamo in piena Inghilterra, e che diamine! Un pó di indipendenza! Quindi si ricarica le tessere da sola, fa la lavatrice delle sue uniformi da sola, e si preoccupa di avere credito nel cellulare. Ah, beata gioventú.

Il secondo, invece, lo lancio veloce veloce alle 7,30 di mattina, perché ha deciso (lui) di voler fare la colazione a scuola. A casa mangiava solo latte con i cereali? Ora mangia anche il pane con la marmellata! E quindi ogni mattina VIAAAAAAAAAAAAAAA corri a fare colazione con le maestre, che mamma ha da fare il salto di qualitá, amore mio.

E la terza la piazzo in braccio agli amici che sto ospitando. Ma é solo questione di giorni… loro andranno via, e quindi anche lei verrá catapultata in un orario X del primo mattino dalla nostra amata tata.

Praticamente, dopo tutto questo andazzo, arrivo a lavoro che sono in piedi giá da tre ore e penso: é un’allucinazione, sta per finire la giornata. Sbagliato. Arrivano i clienti, incavolati, perché anche loro devono lanciarmi il modulo di bonifico, i soldi da cambiare, i loro problemi da risolvere. Certo. Ma é un pó come correre per chilometri e poi dover camminare a passo veloce. Praticamente dopo i 500 metri della mattina tutto scivola via.

No non voglio spaventarti, comunque, ci si abitua. A non avere mamma che mi tira via le castagne dal fuoco, a pagare 1000 pound al mese per farmi tenere i bambini, a tornare a casa e trovarli che mi devono dire 250 cose a testa quando vorrei solo spogliarmi, mentre una parla dell’ultimo video visto su youtube, il secondo piange perché é nervoso e la terza assume l’atteggiamento della MORBOSCIMMIA agganciandosi ai miei fianchi.

Insomma, lavoro per riposarmi. Ecco. In effetti… mi riposo 50 ore a settimana, tra un lancio e un altro…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archiviati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: