Public enemy – versione 20.14

Lascia un commento

10 marzo 2014 di Espatrio Isterico

Ti ricordi la versione originale di Public Enemy?

Abbiamo l’upgrade, Ole’ Ole’!

Quando ho scritto il post sulla deliziosa fatina, prendevo l’autobus 4 volte al giorno, per portare i bambini a scuola e andarli a prendere, con tanto di ritorno. Passavo circa 80 minuti al giorno quando non c’era traffico, con tutto ció che ne derivava.

Ora la nostra vita é cambiata molto, i nostri ritmi sono diversi e piú assestati. E Public Enemy, come se la passa?

Viviamo vicino al mare e vicino a tutto. A due passi ho la stazione, il quartiere malfamato e il centro. Non ci manca niente. La tata di Jana é a 15 minuti di cammino, nessun autobus mi collega a lei. Ivan adesso frequenta una scuola montessoriana, che si trova davanti a casa, 2 minuti a piedi. Martina invece frequenta l’ultimo anno di primaria nella scuola lontana che frequentavano entrambi, ma ha deciso di non cambiare, essendo l’ultimo anno. Quindi Martina e Ivan escono di casa insieme, Martina sgancia Ivan a scuola e prosegue verso la fermata del bus. Io esco un po’ dopo, porto Jana dalla tata e vado a lavorare… altro 15 minuti a piedi verso il centro. Praticamente mi viene di passaggio, per tutta una serie di coincidenze!

Verrebbe da pensare che in assenza di autobus da prendere, la piccola fata é anche un angioletto. NO.

Detesta il passeggino, come del resto qualunque mezzo abbia le ruote. Il tentativo di metterla nel passeggino ha la stessa dolcezza di maneggiare un boa incazzato. Si svincola, striscia, si contorce e salta fuori dal passeggino. Come un palloncino che cerchi di piegare in due… riprende la forma originale! Fuori dal passeggino… Se piove devo forzarla, per metterle la cappottina impermeabile. Che lei prende a calci e a pugni, la morde, la sbatte via al punto che… sai cosa? E prenditi la pioggia vah!!!

Lei vuole CAMMINARE. E vuole anche correre. E fa tutte e due, ma all’improvviso. Se siamo di fretta, per esempio, cammina lenta lenta e ti fa l’interrogatorio di terzo grado: cos’é quello? – un albero! – eh si brava, é un albero. Oppure constata: oh guarda l’aeroplein mamma where is it going? is it going to sardinia? – yes, darling, it is going to Sardinia – ah yes, mum it is going to sardinia… e cosí via. 100 volte, sempre uguale. Se poi devi attraversare, lei corre. In mezzo alla strada. Molla la mano e parte. Poi gli ultimi 10 minuti di stanchezza, si vuole presa in braccio, e pesa un quintale. E devo trasportarla. E nel frattempo é tutto un looook, yellow bus! the taxi! the train! the motorbike! the flowers! how cute! flowers!

Gli ultimi 30 metri di strada (il giardino della tata) sono come il traguardo dopo 50 km di corsa sotto il sole. Praticamente lancio la bambina alla mia tata preferita, che ride sempre, lei ride sempre e cucina curry dalle 7 di mattina. La adoro. Esco da casa sua felice come una Pasqua.

La fata e la lingua: Jana parla inglese per la maggior parte del tempo. Ha due anni e mezzo, quasi. Parla italiano abbastanza bene. Capisce lo swahili, il sardo e lo spagnolo. Ma qualunque lingua tu le parli, lei risponde in inglese. E poi ha capito una cosa fondamentale… chi parla italiano potenzialmente capisce l’inglese. Ma chi parla inglese quasi sicuramente non capisce l’italiano. E quindi ecco che se ne esce con una trafila di improperi in italiano. Minaccia i bambini, gli urla che sono BRUTTI! MONELLI! O se é proprio grave BRUTTI MONELLIIIII! Lei ha capito benissimo che puó dire tutto ció che vuole in italiano, e molto meno in inglese.

Infatti la tata mi ha chiesto: Sara, cosa vuol dire casso?

Io: ah casco? oh ma che strano. Vuol dire… che si é spaventata ecco…

ehm…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archiviati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: