Shopping di fine maggio.

31 maggio 2014 di Espatrio Isterico

Cosa fanno le donne quando sono depresse?

Escono a fare shopping!

E perché ero depressa? Perché ho passato una settimana di inferno tra calcoli e crampi addominali e pressione bassa e intolleranze alimentari.

Quindi giovedi (ieri) ho reclutato quella buon anima di mia cugina, Melinda e le ho detto: oggi accompagnami che se cado mi raccogli.

Quindi mi sono comprata la macchina.

Una bella macchina usata, spaziosa, una station wagon. Che felice che ero! Sono tornata a casa per sistemare tutto l’affare burocratico (trovare qualche migliaio di pound, trovare l’assicurazione ect) e oggi, OGGI, il gran giorno del ritiro.

Sono andata alla concessionaria e gli ho fatto una serie di domande base, tipo, ma la registrazione del veicolo? che ne pensi di questa assicurazione? mi serve qualche altra copertura? E dopo qualche firma, finalmente le chiavi. Il concessionario, che non é scemo ma é un po stronzo, mi ha chiesto se volevo che mi tirasse fuori la macchina dal parcheggio… orgogliosamente ho rifiutato, con la scusa che dovevo montare il mio navigatore satellitare nuovo di zecca!

La prima cosa che si nota é che il volante sta dalla parte sbagliata. Ho guardato Melinda sgomenta. Da che parte devo guidare? E le marce? ma io mica so usare la sinistra per le marce?

Quindi la prima scommessa é stata mettere la prima SENZA bruciare la frizione. Spuntavo sempre con la macchina a 4 milioni di giri, turbine a mille, manco fosse un carrarmato!

Ecco le cose piú importanti della guida in Inghilterra fai da me. Proprio da me.

GUIDA E SVOLTE: In Inghilterra il problema NON é se devi girare a sinistra… il problema é svoltare a destra, con la guida dalla parte sbagliata e tutti gli altri che vengono dalla parte sbagliata… quindi ho deciso di ignorare il navigatore e andare SEMPRE a sinistra.

LE ROTATORIE: fenomeno di distruzione di massa. Ovviamente nella rotatoria devi entrare a sinistra, mica a destra. E azzeccare la corsia, magari. Sennó fai come faccio io che per entrare al supermercato a 100 metri da me ho fatto 2 chilometri perché non azzeccavo la corsia della rotatoria e andavo dritta per non sbagliare…

I PARCHEGGI: facile facile. Parcheggio solo quando lo spazio é dritto davanti a me, libero da macchine davanti-dietro-a destra-a sinistra.

RIFORNIRE: ovviamente ho cercato di mettere diesel nel mio benzina. Ovvio. Non entrava, quindi io spingevo piú forte. Jana urlava da dentro la macchina, Melinda piangeva e rideva insieme, e il diesel era FINITO. 55 pence di diesel per accorgermi che c’era scritto UNLEADED. Ma secondo te, io, che ne so che unleaded é benzina? E quindi la tizia della cooperative food davanti al distributore é venuta in mio soccorso per dirmi che

a) la bambina non posso tenerla in braccio mentre rifornisco (spiegaglielo, a Jana, forza, su!)

b) la macchina va a benzina

c) il diesel é finito, nel caso volessi rovinare la macchina nuova nel giro di 60 minuti.

Alla fine ho fatto benzina e mi sono tornata nella giungla.

IL NAVIGATORE SATELLITARE: parla in inglese, parla. Quindi a volte mi pronuncia le cose un po in scozzese e un po in americano. Io ho problemi di mio con la destra e la sinistra, figurati se ciancia in inglese, guidando dalla parte sbagliata. Posso impostarlo in italiano, dirai, ma non mi dice i nomi delle strade.

Cosa ho imparato in una giornata:

che dopo 0.5 miglia troverai una rotatoria

che l’uscita é sempre la seconda a sinistra

che la rotatoria si prende a sinistra

che menomale sono sempre stata di sinistra, sennó qui mi si bloccava la bile!

***QUALCHE CONSIGLIO TECNICO***

Il costo delle macchina in Inghilterra é piú che abbordabile. Trovi BMW a 2000 pound e macchine che hanno 10 anni a poche centinaia.

Il problema non é comprare la macchina bensí mantenerla. La BMW costava meno di quella che ho comprato io, ma i costi di tasse e assicurazione erano il doppio. Per cui bisogna fare attenzione a queste cose:

ASSICURAZIONE: per un anno io pago circa 700 pound, perché é la mia prima assicurazione. Se invece che station wagon, avessi preso il modello normale sarebbe costata giá 100 pound in meno. Piú grande la macchina, piú l’assicurazione sale. La cilindrata ideale é 1.4. Sopra questa, i costi salgono di molto. Ovviamente se hai la patente europea invece che quella inglese, i costi sono raddoppiati o quasi.

ROAD TAX: annuale, un po come il nostro bollo. La mia é 140 pound all’anno. E’ molto bassa, per esempio la Vauxhall (opel) vicino alla mia era 240 (automatica, 1.6, diesel)! Quindi prima di comprare la macchina chiedi quanto costa la Road Tax

MOT: la mot é una sorta di revisione obbligatoria annuale. La mia ha fatto la MOT ieri, perció per un anno non ci penso. Perché qui temono la MOT? perché sono SEVERISSIMI! se la tua macchina ha una qualunque cosa che non va, o la ripari, o non te la consegnano con la MOT fatta, ossia NON puoi circolare. Quindi fare la MOT significa riparare le cose che non vanno. Se compri una macchina da 300 pound, assicurati che abbia una MOT lunga, ossia almeno 10 mesi davanti. Perché alla prossima MOT dovrai comprarne un’altra… Ho molti amici che hanno comprato macchine a meno di 1500 diciamo, e alla MOT successiva dovevano spendere dai 500 ai 1000 di ripari. La scelta di comprare una macchina all’anno per 300 pound la condivido, se i costi di assicurazione lo permettono.

Io ho scelto una macchina solida perché voglio portare i miei figli a spasso per tutta l’Inghilterra, perció mi serviva una macchina e un motore affidabile.

Se peró la macchina serve solo in cittá, con 500 pound trovi bene.

AUTOMATICA O MANUALE: i costi non sono poi diversi, qui vanno pazzi per l’automatica. Se hai la patente per automatica non puoi guidare con il cambio manuale, ma se hai la patente normale, italiana, puoi guidare entrambe.

Ho scelto la macchina con cambio manuale, per non aggiungere troppe novitá alla mia vita…

 

In linea di massima avere la macchina in Inghilterra é abbastanza costoso, peró ci sono tante cose da vedere che non sono collegate con i mezzi pubblici. Talvolta devi cambiare treni e bus e stare a quegli orari anche solo per fare 150 miglia. I trasporti pubblici in Inghilterra non sono buoni come si crede. A parte le principali cittá (Londra, Bristol, Liverpool, Manchester e Nottingham) che hanno buoni collegamenti, non c’é una rete di trasporti fantastica. Per andare da qui a Bath ci vuole poco piú di un’ora di macchina oppure 3 di treno.

Con una famiglia numerosa, poi, e le scuole disperse qui e li, quasi non avevo scelta.

Ne frattempo, beccatevi sta foto! 🙂

!brumbrum

 

Annunci

Archiviati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: